villaabacus

  • Aumenta dimensione caratteri
  • Dimensione caratteri predefinita
  • Diminuisci dimensione caratteri

2020 da dimenticare

E-mail Stampa PDF

0Poi …venne marzo…e il mondo si fermò.

Chiediamo  scusa al poeta  Leopardi se abbiamo semplificato e personalizzato le sue parole ma sono le uniche che possono sintetizzare un anno che volge al termine. Eh si perché a pochi  giorni dalla fine sarebbe tempo di bilanci. Ma non abbiamo bilanci da fare, almeno sportivi, perché lo sport, come tutto il resto si è quasi fermato proprio nei giorni che precedono la primavera.  E l’Abacus in primis ha bruscamente  stoppato una macchina organizzativa prossima alla partenza.

Il 2020 resterà per tutti  l’anno da dimenticare ma sarà difficile non ricordarlo.  Abbiamo fatto nostra una parola che potevamo leggere solo nei libri di storia, PANDEMIA, ma sono state le conseguenze la cornice di un disastro sanitario, economico e soprattutto sociale. E  l’alienazione è stata il nostro peggior nemico. Le distanze sociali hanno azzerato tutto, incontri, scontri, serate con amici, uscite, calendari, attività agonistiche, tempi, programmi e soprattutto sorrisi. Ha cancellato l’iniezione di adrenalina che animava gli sportivi tra una gara e l’altra, e ha fatto perdere la competizione più importante, quella della serenità. Serenità che, purtroppo, non recupereremo nell’immediato. Il presidente Giovanni Dell’Atti ha  cercato di dare una parvenza di normalità organizzando un allenamento prenatalizio. Così  domenica 20 dicembre un animato gruppo di abacussiani ha popolato le strade di Villa Baldassarri e di Guagnano ripercorrendo, con cappellino natalizio quello che doveva essere il percorso della gara  di casa. Distanti ma uniti, e di corsa, abbiamo trascorso due ore di spensieratezza e socialità. Il ristoro finale, preparato interamente dalla cara e insostituibile  Anna, che ringraziamo accoratamente, ha addolcito i saluti e gli auguri finali. Auguri che rivolgiamo a tutti voi con delle parole cariche di speranza, prendendo in prestito uno dei versi più significativi della Divina Commedia, l’unico  adeguato al momento  e quindi uscimmo a riveder le stelle.  Che quelle stelle siano veramente la luce per ognuno di noi e che il 2021 nasca davvero SOTTO UNA BUONA STELLA.   Articolo di Grazia Lombardo - Foto e Video di MAURO CICCARESE

2020Natale

1a

1

2

Ultimo aggiornamento Mercoledì 23 Dicembre 2020 10:07